Pillole di Folklore # 23 – Samael

Nella mitologia ebraica, Samael è un arcangelo di grande importanza a cui vengono attribuiti i ruoli di accusatore, seduttore e distruttore. Il suo nome può significare “veleno di Dio” o anche “castigo di Dio”. Talvolta viene descritto come il braccio armato della divinità, pronto ad agire al suo comando. In altre versioni del mito viene considerato un angelo caduto, ripudiato da Dio per essersi unito carnalmente con le donne umane. Spesso viene associato all’angelo della morte.

Il suo ruolo principale rimane comunque quello di accusare gli uomini di fronte a Dio e di punirli. Secondo alcuni studiosi, fu proprio lui a causare le dieci piaghe d’Egitto.

In una particolare circostanza, Dio ordinò agli arcangeli Michele e Gabriele di prendere l’anima di Mosè e condurla nel cielo. Entrambi rifiutarono l’ordine e allora la divinità assegno l’incarico a Samael. L’angelo della morte accettò la missione, ma quando vide l’anima di Mosè intenta a trascrivere il vero nome di Dio provò una grande paura e comprese che non poteva in alcun modo portarla nel cielo. Tornò indietro a mani vuote e Dio gli ordinò di fare un altro tentativo.

Samael tornò da Mosè, si armò di coraggio ed estrasse dal fodero la propria spada. Non appena lo vide, Mosè si infuriò e iniziò a colpirlo con vari oggetti sui cui aveva inciso il vero nome di Dio. Il profeta costrinse l’arcangelo alla fuga e, utilizzando il potere del nome ineffabile, lo rese cieco e lo privò dell’aureola.

Pillole di Folklore # 16 – Il Leviatano

Nella mitologia ebraica il Leviatano è un gigantesco mostro marino dalla forza spropositata. Simboleggia il caos primordiale e nella Bibbia viene utilizzato spesso per rappresentare la potenza divina. Alcuni studiosi delle sacre scritture ritengono che il drago dell’Apocalisse possa proprio essere un Leviatano.

È in grado di sputare fuoco e dalle sue narici esce del fumo. Quando nuota nel mare, l’acqua attorno a lui ribolle. Ha una pelle resistentissima, impossibile da scalfire con le armi create dall’uomo. È in grado di inghiottire momentaneamente il sole e la luna, dando così modo alle forze del male di agire indisturbate nelle tenebre.

Nella Bibbia si narra che durante il quinto giorno della creazione, Dio diede la vita a due Leviatani, uno maschio e uno femmina. Si rese ben presto conto però che le due creature erano troppo pericolose e che una loro possibile unione avrebbe potuto condurre il mondo a una fine alquanto prematura. Uccise quindi il Leviatano femmina e utilizzò la sua pelle per realizzare degli abiti per Adamo ed Eva.

Continua a leggere “Pillole di Folklore # 16 – Il Leviatano”

Il Folklore in Magic: The Gathering – I Behemoth di Ikoria

Partendo dalla tradizione orale, la mitologia e il folklore sono sopravvissuti fino ai tempi moderni, ispirando innumerevoli opere di intrattenimento. Dalla musica ai videogiochi, passando per i fumetti e il cinema, è possibile trovare riferimenti a miti e leggende ovunque. Con Magic: The Gathering, Wizards of the Coast ha più volte omaggiato la mitologia di varie culture diverse, soprattutto con le espansioni più recenti, tra cui quelle dedicate agli eroi greci e all’antico Egitto. Oggi vogliamo parlavi di “Ikoria”, l’espansione ispirata alla figura del Behemoth, una delle creature più iconiche della mitologia ebraica.

Continua a leggere “Il Folklore in Magic: The Gathering – I Behemoth di Ikoria”