Plot armor, cos’è e perché può danneggiare un racconto

Si parla di plot armor quando il protagonista o uno dei personaggi principali di un racconto esce illeso, a livello fisico o psicologico, da una situazione in cui, a rigor di logica, dovrebbe subire una sconfitta. Un esempio classico è l’eroe che sopravvive a una ferita mortale senza alcuna spiegazione plausibile o che si salva in ogni situazione difficile per pura fortuna. Se nella trama sono presenti troppe situazioni di questo genere, si corre il rischio di mettere a dura prova la sospensione dell’incredulità del lettore, che potrebbe arrivare a pensare “A X va sempre tutto bene solo perché svolge un ruolo importante nella storia!”.

Ricorrere ogni tanto ai colpi di fortuna o a un deus ex machina non è per forza sbagliato, ma bisogna stare attenti a non lasciarsi prendere la mano e cercare di dare il giusto spazio alla logica. Se il vostro protagonista è alle prime armi con la boxe e, per qualche strana ragione, si ritrova coinvolto in una scazzottata col campione dei pesi massimi, pensateci cento volte prima di farlo vincere in modo netto. Mettetevi sempre nei panni del lettore e fatevi questa domanda: “Mi sento preso in giro da questa scena?”. Se la risposta è sì, cambiatela subito, senza se e senza ma.

Per evitare fraintendimenti, ci tengo a specificare che far uscire vittoriosi i propri personaggi dalle avversità non è sbagliato, anzi. Tuttavia è importante dosare e contestualizzare le vittorie, altrimenti si corre il rischio di dare vita a dei protagonisti invincibili o, ancora peggio, a delle Mary Sue. Le sconfitte, se ben gestite, sono perfette per far crescere i personaggi e aiutano a rendere molto più dolce e atteso il momento del trionfo. La chiave del successo, come sempre, sta nel trovare il giusto equilibrio. Non create un eroe infallibile o un eterno perdente, ma un personaggio “umano”, col giusto mix di pregi e difetti, abilità e lacune.

Autore: Alessandro Bolzani

Mi chiamo Alessandro e sono l'autore del romanzo urban fantasy "I Guardiani dei Parchi". Nella vita faccio il giornalista, ma qui su Wordpress gestisco il blog "Pillole di Folklore e Scrittura", dove parlo di libri, mitologia, credenze popolari e, in generale, di tutto ciò che mi appassiona.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: